Chi siamo - Coro Prealpi

Coro Prealpi
Vai ai contenuti

Chi siamo

Il coro nasce nel 1970 in questo piccolo centro del bresciano occidentale adagiato sulle verdi colline della Franciacorta e, grazie all'impegno di un gruppo di amici che hanno nel sangue la passione per il canto, sotto la direzione del maestro Bepi Campana diventa una bella realtà. I canti preferiti sono quelli che raccontano la montagna, la tradizione e la guerra. L'incontro con Bepi De Marzi ed i suoi Crodaioli, l'approdo alle sue famose cante e la riscoperta di vecchie canzoni dialettali ne arricchiscono il repertorio dilatandone le interpretazioni nei numerosi concerti eseguiti nelle più svariate località. Negli anni successivi alla guida del coro si alternano i maestri Gino Cavalleri e Marino Moretti, quest'ultimo ora affermato direttore di importantissime realtà. Nel 1995 la direzione viene affidata al maestro Claudio Moretti armonizzatore e compositore di musica sacra e popolare, storico e scrittore. Con la sua direzione la compagine di Villa Pedergnano amplia il proprio repertorio portando alla ribalta anche pagine classiche e operistiche. Il 10 maggio 2003  Claudio Moretti ci lascia per sempre lasciandoci in eredità il suo insegnamento deciso, rigoroso ma semplice e fantasioso. Un attimo di sbandamento ed il coro si riprende, e sotto la guida del giovane maestro Marco Rovaris riprende il già lungo cammino. Dal gennaio 2011 a Giugno 2018 la direzione del coro é stata affidata al maestro Samuele Pedergnani. Alla direzione del coro dal Luglio 2018 il maestro Paolo Tosoni.


Alcuni accenni storici ad opera del nostro Presidente Carlo Zerbini che ha sintetizzato la nostra attività dal 2002 al 2020


2002


Ad Erbusco capoluogo, sono  da tempo in corso, lavori di restauro, in gran parte sovvenzionati dall'azienda Terra Moretti, dell'antica Pieve Santa  Maria                               Maggiore, ed il parroco don Mario  Metelli, sentito il parere del consiglio affari economici e del consiglio pastorale parrocchiale, propone di inaugurare   con un concerto celebrativo a tema religioso, l'avvenuto restauro della Pieve, chiedendo la disponibilità del coro Prealpi .Viene quindi fissata la data, " 19 ottobre 2002 "  ed il titolo del concerto, "Spiritualità in Pieve. Il signor Carlo Zerbini, componente del  consiglio affari economici, nonché del consiglio pastorale, viene incaricato, insieme al parroco, a comunicare , in  apertura della serata, alcune notizie inerenti l'iter dei restauri. Alcuni giorni prima del concerto, il maestro Claudio Moretti, tramite il corista Giuseppe Bonomi, chiede se Carlo Zerbini potesse gentilmente presentare anche i vari commenti dei brani, che lo stesso maestro si impegnava a preparare. Seppur colto un po a sorpresa, Carlo Zerbini, dopo aver scambiato alcune idee e ricevuto alcuni suggerimenti dal maestro Claudio, presenta per la prima volta un concerto del coro Prealpi, dando così inizio alla sua avventura  di presentatore, nel coro , inizialmente  intesa come  un  doveroso sentimento di cordialità e di amicizia e che in breve tempo è sfociato  anche in una unanime  e inaspettata elezione a presidente , che ancora oggi prosegue ininterrottamente. Ebbene, quel concerto, in quella magnifica Pieve appena restaurata, è stata sicuramente una delle emozioni più belle e significative, una elevazione corale e spirituale di alto livello che rimarrà stampata nella storia della comunità. A chiudere il 2002 i concerti natalizi a Erbusco  e a Dello.


2003




Il  concerto  tradizionale di primavera nella parrocchiale San Giorgio è con il coro Tre Valli di Venaria Reale (TO), una serata ricca di emozioni, all'insegna dell'amicizia e del bel canto. Il maestro Claudio aveva scelto il suo programma: Gerusalemme,Ora nona, Scàpa Oseleto, San Matìo, Israel, Alma Illanera,. I'm gonna sing, happy day.....  Era il 12 aprile 2003..... questi, purtroppo, risulteranno poi, gli ultimi brani diretti in un concerto ufficiale dal maestro Claudio Moretti.  Infatti , nemmeno un mese dopo, esattamente il 10 maggio,  quando per la stessa data, era già da tempo fissato un concerto a Firenze....la sera antecedente , rivela il presidente Carlo Zerbini, sono stato quasi un'ora  al telefono con Claudio che mi ha spiegato in ogni particolare la bellezza della chiesa dove si  sarebbe esibito  il coro, mi trasmetteva tutta l'attesa dei coristi per una trasferta così sentita, mi trasmetteva tutto il desiderio di partire come fosse una piccola vacanza insieme, mi trasmetteva la sua esperienza per il controllo delle emozioni , e anche per me, che ero alle prime armi come presentatore, anche a me che partivo in pullman , per la prima volta con il mio coro, voleva trasmettere qualcosa come da desiderare....intorno alle 11,00 del 10 maggio , il segretario Sandro Bertoli comunica che il maestro ha avuto un malore...la voce corre veloce.... il malore più veloce ancora....  di lì a poco, il cuore di Claudio si è fermato ed insieme al cuore anche le sue mani per dirigere.....prima delle 14,00 il pullman prende la via del ritorno....la trasferta a Firenze annullata...i coristi ammutoliti e frastornati .
Il 24 maggio il concerto già programmato per  il 70° degli alpini a Cazzago sm, viene diretto dal maestro Francesco Troli, già in amicizia con il coro e  che in seguito, scriverà e armonizzerà , appositamente per il Prealpi due brani natalizi in dialetto. Nella stessa serata si esibisce anche il coro  Ana Alte Cime di Brescia.
Da ricordare nel 2003 l'inaugurazione del centro  G.Battista Dotti con l'assegnazione della nuova, elegantissima sede del  coro,  da parte della amministrazione comunale che sempre nel corso degli anni,  si è dimostrata vicina al coro Prealpi.
Dopo un periodo di assestamento per la perdita del maestro Claudio, arriva al coro il giovane maestro Marco Rovaris, già stimato direttore del corpo bandistico erbuschese, che con rinnovato entusiasmo porta avanti il gruppo nei vari concerti di Erbezzo (VR), Puegnago (BG), Agliè (TO) , Peschiera del Garda (VR) e Zone (BS). In quel di Zone l'incontro con Manlio Magnaterra presidente del coro Liberarmonia di Castel Gandolfo, positivamente sorpreso  dall'esibizione del coro Prealpi.




2004


A febbraio , nella Collegiata Insigne Santa Maria Assunta di Rovato,  il coro t tiene un significativo concerto per il 61° anniversario di Nikolajewka, su invito del Gruppo Alpini Rovato  che ha visto la presenza di un  attento e folto  pubblico. L'amicizia con il presidente del coro " Liberarmonia" , incontrato a Zone, diventa subito realtà, tant'è che  con  tanto entusiasmo il coro romano è presente al concerto di primavera, tra divertimento, vacanza e ringraziamenti per l'accoglienza  tipica, ormai rinomata del Prealpi, verso i cori ospitati. A seguire , i concerti a Calepio con la corale "San Lorenzo",  a Peschiera del Garda, ospiti del "Coro A.N.A-" insieme al coro "Monte Vignol" di Avio (TN), a Erbusco  (Ciao Claudio) ad un anno dalla morte, e poi ancora, " Notte di note " a Pedergnano, concerto d'autunno con coro Monte Vignol  Avio (TN), Cologne per Cav. Mario Sala, Torbole C., Zone  per "Piramidi In...canto", Erbusco, Adro e quindi la trasferta ad Avio TN con il coro" Monte Vignol" ed il coro  "Castel Flavon" di Bolzano.                                                                   Date da ricordare, il 3 dicembre  la partenza per Roma con i concerti a Pavona di Albano laziale e a Castel Gandolfo nella chiesa centrale di San Tommaso da  Villanova, dove insieme al Prealpi hanno cantato il coro "Chicchi di Grano", il coro   " Liberarmonia", e la " Schola Cantorum " Madonna delle Querce" (VT). Nel frattempo un salto in Piazza san Pietro  a Roma per  l'Angelus e intrattenimento fedeli  con qualche canto, e poi  le visite a Frascati, Genzano e Nemi . Un' esperienza indimenticabile  nella Chiesa di san Tommaso, dove il pubblico ha tributato al coro Prealpi , cinque  interminabili minuti di applausi . Il lunedì mattino  6 dicembre  il rientro a casa con tappa a Suvereto (LI)  per la visita alla cantina Petra , di proprietà dell'erbuschese  Moretti, patron di Terra Moretti.                                                          



2005


Si aggiunge un'altro tassello alla storia del coro. E' l'anno del 35° anniversario e l'attività dei concerti inizia nel migliore dei modi con  eventi  benefici alla casa di riposo di Ospitaletto ed a seguire  a Capriolo,  a sostegno della Associazione Agapha che si occupa di ragazzi autistici. Quindi il concerto di primavera con il piccolo coro San Benedetto e la festa della Repubblica ad Erbusco. Non poteva mancare una giornata riservata al coro e famiglie per festeggiare in un ristorante franciacortino  il 35° compleanno  in un clima di amicizia e serenità per poi ripartire con nuovo slancio verso impegni sempre più frequenti. In questo tratto di strada viene a mancare un grande amico, nonché  generoso  sostenitore del coro, Piero Felappi, fondatore del caseificio Villa : una perdita davvero sentita dai coristi che  erano soliti scambiare le proprie opinioni con quelle dell'amico Piero , al termine  dei concerti, ai quali Piero difficilmente mancava e , da buon intenditore, sapeva cogliere anche sottili sfumature. Ancora oggi, i figli eredi,  continuano a sostenere il coro in ricordo di papà Piero. Ecco quindi che dopo la trasferta a Brentino Belluno (VR), in compagnia dei cori "Monte Vignol" di Avio, "Coro Scaligero dell'Alpe, e "Coro La Chiusa " di Volargne,  dopo il concerto ad Adro  per l'evento "Musica Territorio Teatro",ed a Pedergnano, il coro si reca ad Erbezzo (VR) per un concerto in ricordo dell'amico Piero, il quale era solito trascorrere qualche periodo di vacanze estive, dove aveva  tutti come amici , per aver saputo   donare quello che lui era veramente, un uomo mite e generoso nel cuore;  Erbezzo era per lui la sua seconda famiglia in quanto  paese natale della gentile consorte. A seguire il concerto d'autunno con il coro  "Monte Pizzoccolo"  di Toscolano Maderno  ed il coro "La Ceseta" di Sandigliano (Biella).  IL 3 dicembre, il coro Prealpi, su invito della Associazione  Bresciana " Palcogiovani" si esibisce a Brescia, insieme a tanti altri artisti bresciani per l'incisione di un CD, intrepretando un brano dialettale. Poi il coro è chiamato a partecipare al nuovo evento "Natale nelle Pievi" , ciclo di letture di autori bresciani sul Natale, organizzato dal regista Pietro Arrigoni, inaugurando con i suoi canti, la prima serata nella Pieve Santa Maria Maggiore di  Erbusco, con la partecipazione anche del presidente, come solista  all'armonica a bocca. Non poteva mancare per questo anniversario qualcosa di speciale, ecco pertanto che il presidente Carlo Zerbini dopo alcuni scambi epistolari con il cardinale Giovanni Battista Re, riesce ad organizzare con la regia del segretario Sandro Bertoli, l'udienza in piazza San Pietro con Benedetto XVI per il 7 dicembre  e quindi a recuperare il concerto sospeso nel 2003 a Firenze, per il giorno  8 dicembre nella chiesa di San Felice in Piazza,  con la presenza di  illustri ospiti bresciani doc:  Cesare Prandelli, allenatore  della Fiorentina e poi commissario tecnico della nazionale italiana ed il Priore di San Felice in Piazza, don Gianfranco Rolfi professore  di Storia della Chiesa alla Facoltà Teologica  di Firenze e già famoso concorrente negli anni settanta, nonché  campione, alla trasmissione Rischiatutto di Mike Bongiorno. In verità, i contatti con Sua Eminenza Re erano iniziati molto tempo prima per l'udienza con Papa Giovanni Paolo II,  già fissata per il 16 marzo 2005 ma   la malattia che aveva colpito il Santo Padre  portava  allo spostamento della data, fino a dopo il decesso  ed alla elezione del nuovo Pontefice.  Per la trasferta a Roma, il presidente Zerbini aveva chiesto la possibilità di poter incontrare il Presidente della Repubblica Ciampi che però, tramite il capo del cerimoniale , rispondeva  con uno scritto, che non era possibile per i tanti impegni del Presidente. A dicembre , giungevano anche i ringraziamenti e gli auguri al coro Prealpi da parte del Cardinale G. Battista Re.                                                                                                 Per chiudere l'anno ecco i concerti a Urgnano, Erbusco, Cazzago sm e Villa Pedergnano.



2006


Anche quest'anno si preannuncia denso di impegni  con un concerto nella parrocchiale di Ospitaletto,  quindici giorni dopo  si accompagna la santa messa , sempre ad Ospitaletto, per Nikolajewka e poi un concerto a Rovato per il 63° anniversario di Nikolajewka alla presenza di importanti autorità militari e civili. Alla fine di aprile, una commovente serata, "Voci di tradizioni sempre vive", dedicata alla prima guerra mondiale, e con la sorpresa  del presidente  che si è esibito con l'armonica a bocca, in un paio di brani alpini, molto graditi dal pubblico, come descritto in una lettera di ringraziamento, da parte degli organizzatori. Collateralmente alla serata,  una significativa  mostra, dal titolo "Adamello 1915/1918" e poi la suggestiva messa con concerto presso il Sacrario dei caduti al Passo del Tonale in occasione del Pellegrinaggio della memoria e della pace.  A giugno la trasferta a Scorzè (VE) con il coro Musicalia Fragmenta ed il coro Eco del Fiume, poi l'uscita a Lozio che precede il concerto a Pedergnano e ad Urgnano (BG). In quel di Zone viene organizzato un concerto dove sono presenti il coro Liberarmonia di Castel Gandolfo ed il coro Giovanni P. di Palestrina  e questi chiedono come ospite la presenza del coro Prealpi . L'attività prosegue con la trasferta a Sandigliano (Biella) per la rassegna del coro La Ceseta, insieme al coro Tre Valli città di Venaria Reale (TO). Quindi si parte per Tirano (SO) ospiti del coro Monteverdi in occasione della sagra della mela e dell'uva. In ottobre il coro partecipa all'iniziativa promossa dalla Fondazione Pompeo e Cesare Mazzocchi e dal Club Giappone - Italia,  dal titolo "Giappone e Franciacorta a Concerto"  ; la prima delle tre serate si svolge nella parrocchiale di Rovato dove insieme al Prealpi si esibisce il coro femminile giapponese Sukurakai di Tokyo, un coro di professioniste con tanto di pianista e di  soliste soprano e mezzosoprano, per una serata magica e suggestiva unita idealmente in un gemellaggio canoro. Si prosegue con il concerto d'autunno a Villa , ospite il coro Ciclamino di Marano V. (VI) , poi un concerto benefico a Castegnato per gli Amici di Raphael   e la messa alla Madonna della neve per l'Arma dei Carabinieri . Dall'8 al 10 dicembre una nuova e indimenticabile trasferta promossa dal presidente  i e organizzata magistralmente dal segretario Sandro Bertoli : si parte per Ulm in Germania, 70 Km dopo Monaco, sul Danubio Blù, si va a cantare per la numerosa comunità  italiana che vive in quella città ,  e non solo,  perchè si canta anche per accompagnare due messe con la presenza di  fedeli e di sacerdoti italiani e tedeschi . Certo le emozioni sono state numerose soprattutto durante il concerto serale,  dove il coro, ha letto un saluto scritto a don Giuseppe ed alla comunità, da parte del Vescovo di Brescia Giulio Sanguineti , e poi durante il pranzo insieme ed infine i saluti finali che hanno strappato alcune lacrime. Una trasferta che ha lasciato il segno, sia per la serena allegria, sia per quel "Gulasch" notturno accompagnato da panettone e brindisi, ma anche una trasferta da ricordare, per la toccante e silenziosa visita al campo di concentramento di Dachau.  Il 26 dicembre la trasferta a Marano V. (VI) ospiti del coro Ciclamino  e in compagnia del coro Acqua Ciara di Recoaro Terme. Infine ancora la partecipazione all'evento "Natale nelle Pievi"


 
2007


Sono oltre venticinque gli impegni che attendono il coro: si comincia a Erbusco con il concerto dell'Epifania,poi le messe per Nikolajewka a Ospitaletto e ad Erbusco per le sezioni degli Alpini, Il 16 Aprile l'esibizione nella maestosa cantina Cà del Bosco per una serata dedicata ad  un ospite illustre: Il più grande chef della Nouvelle Cousine. Paul Bocuse. Un tappeto rosso steso sull'erba, illuminato da due file di torce, conduceva all'ingresso della modernissima sede di Cà del Bosco. E giù in cantina, in quella che sembra la cripta di una cattedrale laica, dove si conservano le bottiglie del Franciacorta è avvenuto il commovente incontro; ad accogliere il grande chef Bocuse scortato dal proprietario Maurizio Zanella e  da Antonio Santini, è stato Edo Santin patron  delle Soste e Siro Maccioni il volto della cucina italiana in America, mentre tra le soffuse luci della scalinata, l'armonia delle voci del coro Prealpi ha letteralmente emozionato il grande chef e tutti i "grandi "della cucina italiana presenti.  Si giunge al nostro concerto di primavera  che vede ospiti il coro femminile Musicalia Fragmenta di Scorzè (VE) e la corale  l'Eco della Concarena  di Lozio .A seguire una messa a Rovato, la festa della Repubblica ad Erbusco.  Il 16 e 17 giugno una nuova e memorabile trasferta in Liguria , esattamente a Coldirodi di Sanremo (IM) voluta dal nostro presidente, dove il coro si esibisce nella chiesa di San Sebastiano in occasione della "festa della Santa P.E. Cerioli", in una chiesa gremita . Il giorno seguente nella stessa chiesa il coro ha accompagnato la santa messa ed al termine si è dovuto cimentare  in alcuni brani a richiesta , voluti da don Pasquale Traetta, volto noto come " il parroco del Festival di Sanremo" per la sua ventennale presenza  al Festival. A luglio, un concerto per la sezione Alpini di Zocco e la messa il giorno seguente. In agosto il concerto "notte di note" a Pedergnano e a seguire l'immancabile ottima cena in cascina con piatti  rustici e saporiti, offerta dall'amico Gianni Bonfadini e consorte, Il 7 agosto la trasferta a Borno su invito del coro Amici del Canto per la rassegna "melodie d 'estate" dedicato alla memoria del Prof. Guido Caccia, già primario dell'ospedale civile di Brescia ed operatore della Associazione "don Tarcisio Festa" che si occupa della autonomia dei bambini a lungo ospedalizzati. In settembre  il coro, in collaborazione con altre Associazioni  locali, organizza al centro civico G.B. Dotti,  una simpatica festa per salutare l'estate e dopo una settimana l'uscita a Camignone per un'altro concerto benefico per gli amici di Raphael e pochi giorni dopo, l'invito a Peschiera del Garda, da  parte di una agenzia per promozione del turismo per un concerto con un  coro tedesco in vacanza sul lago. Dopo una messa nella parrocchiale di Pontoglio per la sezione Ana locale, riecco il concerto d'autunno a Villa con i cori "La Campagnola" di  Mottalciata  (Biella) e la corale "Schola Cantorum" di Calcio (BG), quindi il concerto a Capriolo, in occasione della intitolazione di strade a due Alpini caduti nella prima guerra mondiale,  ed ancora, la messa ad Adro per l'Arma dei Carabinieri con il canto  della Virgo Fidelis.  Dopo due concerti consecutivi a Rovato in occasione della festa della sezione Alpini, iniziano i vari appuntamenti di Natale nelle Pievi, a Erbusco, Mazzano, Travagliato e Concesio. Il 15 dicembre arriva la trasferta  a Farra di Soligo TV ospiti del coro S. Lorenzo per l' inaugurazione dell' Auditorium S.Stefano appena restaurato. Il 23 /12 concerto per gli auguri natalizi organizzato dal comune, nella parrocchiale Santa Maria Assunta, con il coro dell'Amicizia di Erbusco, il coro San Lorenzo di Zocco, gruppo bandistico Dino Magri e il corpo bandistico Zocco Band.


2008


     
Pare aumentare in questi anni  una certa popolarità ed apprezzamento della compagine del  Prealpi nel vasto mondo corale , tant'è che numerose sono le richieste per concerti, alle quali, a volte , il segretario deve rinunciare, vuoi per motivi di impegni che si accavallano, vuoi anche per motivi personali dei coristi o del maestro stesso. Comunque, dopo i tradizionali impegni per la ricorrenza di Nikolajewka con concerti e  Sante Messe ad Ospitaletto, Villa Pedergnano e Rovato si giunge al concerto in memoria di Mons. Giuseppe Berardi, a quarant'anni dalla morte , illustre sacerdote  diocesano nato ad Erbusco, che ha dedicato una vita alla musica sacra, fondando , da seminarista una schola cantorum parrocchiale, dove hanno cantato anche alcuni fondatori del Prealpi, poi, dopo gli studi a Roma fondò  la prima schola cantorum diocesana, che si esibiva durante le più importanti funzioni religiose nella cattedrale bresciana . Oltre al coro Prealpi era presente il coro femminile  " Eco del Fiume" di Bottrighe - Rovigo . Alla fine di marzo il concerto nella parrocchiale di Erbusco con la corale "Villanelle" di Bellegarde su Valserine -Francia. Il particolare incontro con il gruppo francese, oltre sessanta elementi, è stato quasi casuale e si è verificato tramite l'amicizia di Virginia Colpani di Brescia, ormai assidua affezionata estimatrice del Prealpi , con una amica francese, di vecchia data, Oltre alla riuscita del concerto, sono stati apprezzati, la disponibilità del coro Prealpi nella organizzazione delle due giornate, con visite e degustazioni varie e la prelibatissima cena in allegria, fino a tarda notte, Dopo due settimane, la trasferta a Mottalciata - Biella, ospiti del coro  "La Campagnola", insieme   al coro "Gran Combin" di Gignod - Aosta. In un breve spazio di tempo segue una serata benefica a Torbole Casaglia, dal titolo  " Un concerto per la Vita" e poi si parte per  la Città di Castelgandolfo,  per un concerto in memoria di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolarini, nel trigesimo dalla morte. Il coro Prealpi, ospite d'onore, ha portato agli organizzatori, ai responsabili dei Focolarini e a tutto il pubblico presente, quasi 1500 spettatori, nella immensa Sala Mariapoli,   i messaggi del Sindaco di Erbusco Isabella Nodari,  del Presidente della Provincia di Brescia  Alberto Cavalli,e del Vescovo di Brescia  Luciano Monari e quindi si è esibito dopo le performance del coro "Impropriamente...Gospel" di Anzio e la corale Liberarmonia di Castelgandolfo,." Credo, racconterà poi il presidente  Carlo Zerbini, che questa trasferta, rimarrà  impressa nei nostri cuori, sia per il ricordo di Chiara Lubich , una santa del nostro tempo, sia per l'esibizione del coro,  che in una atmosfera emotiva  fortissima e toccante   è sempre stato al massimo della concentrazione , riscuotendo ripetutamente il calore del pubblico. Moltissime poi, le persone che mi si sono avvicinate per congratularsi e per ringraziarci delle belle emozioni trasmesse. Questi sono i momenti che danno la forza ad un coro per continuare a fare ancora meglio." Molti e illustri personaggi erano presenti al concerto, trai quali il Dott. Saverio  Petrillo   noto Direttore delle Ville Pontificie di Castel Gandolfo.   Molto significativa la lettera inviata al coro Prealpi dalle Focolarine del Centro Mariapoli :  Grazie per aver dato una particolare nota artistica di eccelsa qualità all'evento; rimane impresso nei nostri cuori il solenne momento del vostro canto dedicato a Chiara Lubich che ha coinvolto profondamente tutta la sala. Avete contribuito in modo eccellente a far di questo pomeriggio un momento che tutti ricorderanno.  Anche il  cardinale  Arcivescovo di Barcellona, Luis Martinez Sistach ,incontrato alla messa a Rocca di Papa, scriverà al coro" le musiche interpretate dal coro Prealpi, riempiono i momenti del mio lavoro", compilmenti per questo meraviglioso coro.La seconda parte dell'anno, il coro si ritrova a Erbusco  alla festa della Repubblica, poi al Duomo di Rovato per un singolare concerto con il "Coro San Lorenzo" di Farra di Soligo (TV),  dove il parroco, ha addirittura  aperto gli altoparlanti esterni della chiesa, affichè tutta la comunità potesse godere delle belle armonie dei cori Il 22 giugno, viene organizzato dall'Assessorato Territoriale, l'evento Provinciale "La montagna Bresciana " presso il passo del Maniva : sono presenti  quindici cori bresciani con la presenza del maestro Bepi de Marzi e i suoi Crodaioli a ricordo anche dei 50 anni del brano "Signore delle  cime. Una giornata in mezzo alla natura, con la Messa, cantata dai sedici  cori  e celebrata dal Vescovo emerito di Brescia Mons, Bruno Foresti. Quindi,  pranzo ad  allegri cori uniti  a base di prelibato spiedo...  in una " Montagna IN...Cantata". Segue poi un  bel concerto nella chiesa  di Irma  per la  locale sezione Alpini  e poi la rassegna" Notte di note" a Pedergnano, che precede il concerto d'autunno a Villa con il coro Monteverdi di Tirano (SO) quale ospite. Dopo la tradizionale messa ad Adro per l'Arma dei Carabinieri, il 15 novembre la partenza per la Francia , destinazione Bellegarde: sistemazione Hotel, visita panoramica della cittadina e  nel pomeriggio,  il benvenuto dell'Amministrazione con accoglienza in Municipio. Al seguito del coro in occasione di questa trasferta erano presenti il Sindaco di Erbusco Isabella Nodari e il  vicesindaco Rosa Milini. Concerto serale nella chiesa ST. Vincent , ospiti della Corale "La Villanelle", con l'esecuzione finale a cori uniti,  nell'interpretazione del Nabucco coinvolgendo così tutto il pubblico presente. Immancabile la reunion per la cena in allegra  compagnia con comprensibili sforzi di comunicazione tra  i coristi delle due formazioni. Il giorno seguente partenza per Annency per una visita alla bella citta' vecchia ed al castello per poi chiudere con un pranzo in  un ristorante caratteristico , prima del rientro in Italia. Molto bello il commento  post   evento, riportato sul giornale locale francese. Subito dopo,  arriva la trasferta a Bottrighe (RO) ospiti del coro femminile "Eco del Fiume" in una serata  dal titolo "Autunno in...canto", con la partecipazione , oltre al coro di casa,  anche dei cori "Voci del Pasubio" di Isola Vicentina e "Coro la Rocca" di Altavilla Vicentina. Dopo alcune esibizioni a Desenzano del Garda, Cortefranca, Botticino, Rogno e Gavardo per l'evento "Natale nelle Pievi", dove i coristi dovevano a volte adattarsi ai vari travestimenti , in base alle varie narrazioni degli artisti in scena, a volte da pastori con scarponi, mantello ,cappello e lampade accese, a volte da provetti pasticceri con tanto di camice bianco e cappello da chef, il coro Prealpi chiude  un  tosto 2008  con il concerto natalizio  promosso dal comune, ad Erbusco.


2009


Si comincia un nuovo anno e già il primo mese il coro ha in programma tre impegni: a Fontanella BG, ad Ospitaletto e a Zocco di Erbusco.  A Marzo il concerto ad Erbusco per la Croce Rossa in occasione della donazione di una nuova ambulanza ed a seguire un concerto benefico presso la casa di riposo di Chiari.  Il tradizionale concerto di Primavera  si tiene a Villa , nella parrocchiale San Giorgio, con la partecipazione del "Coro Amici della Montagna" di Origgio VA e poi il concerto  benefico a Nigoline di Cortefranca  a favore del progetto "Casa Hogar" in Ecuador, ed il concerto ad Erbusco in occasione della festa della Repubblica organizzata dalla Amministrazione comunale.                                               A mezzanotte di giovedì 2 luglio il Prealpi affronta la trasferta a Cisternino BR, in Puglia: il pullman gran turismo è come al solito,  in occasione di queste trasferte, al gran completo, compreso il Sindaco .  Dopo la sistemazione in hotel con piscine annesse, nel pomeriggio la visita  guidata ad Alberobello, capitale dei trulli , quindi cena e serata a disposizione....sembra di essere in vacanza, ma il tempo è sempre stretto e l'organizzazione del segretario Sandro Bertoli è fitta di appuntamenti.  Infatti sabato 4 luglio dopo la colazione ecco la visita guidata ad Ostuni (la città bianca) e visita al frantoio oleario in Valle d'Itria. Dopo il pranzo, la visita guidata a Martina Franca ed alla splendida cattedrale di san Martino con l'esecuzione di due brani e in serata il concerto  del coro , già programmato a Cisternino, alla presenza delle autorità e del presidente della Associazione cori Pugliesi. Domenica 5 luglio il coro anima la messa nella parrocchiale di Cisternino e dopo la visita  degustazione alla azienda agricola Semeraro, pranzo in hotel e poi tutti  in visita a Polignano  a Mare. Lunedì 6 luglio,  il ritorno a casa con tappa a Loreto per una breve visita e per il pranzo. Un'altra bella esperienza impressa nel cuore del coristi e dei simpatizzanti al seguito. Dieci giorni dopo, il coro si esibisce a Fosdinovo (Massa Carrara) per un "concerto sotto le stelle", organizzato per i turisti,  dalla Associazione culturale  Nehema,  dove erano presenti anche il coro "Sarzanae Concentus" di Sarzana - La Spezia ed il coro "La Gerla" di Torino. Quindi il concerto in casa  "Notte di note" a Pedergnano per riprendere fiato dopo l'estate, ma il tempo , come si diceva, è stretto, perchè a settembre ecco la chiamata a Cortemaggiore PC, nella meravigliosa Chiesa Convento Francescano , dove il coro si è esibito, con la partecipazione del coro "Valnure" di Bettola  PC e del coro "Val Tidone", Si giunge così ad organizzare il concerto d'autunno a Villa, con un poker di cori:  il  coro Prealpi, il coro femminile "6 note di Villa Pedergnano",  alla loro prima speciale performance, il coro "Amici del canto"di Borno ed il coro "Brianza" di Missaglia LC. Dopo il consueto appuntamento ad Adro per l'Arma dei Carabinieri e poi un concerto benefico alla casa di riposo a Rovato , il Prealpi è protagonista a Paratico in occasione della festa "Madonna dei pom".  Quindi il coro viene invitato nuovamente a Cortemaggiore, alla stupenda Basilica di Santa Maria delle Grazie per un bellissimo concerto di Natale, con protagonisti il "Gruppo Bandistico La Magiostrina" e la "Corale di Cortemaggiore". A seguire il concerto natalizio ad Erbusco ed il concerto itinerante di Natale a Villa Pedergnano.


2010


E' arrivato un altro importante traguardo per il coro che ha preparato un intenso calendario di eventi per  festeggiare i suoi quarant'anni di fondazione. Si inizia il 3 gennaio con l'uscita a Cisano Bergamasco ospiti del coro "Val San Martino"  e con la partecipazione del  coro "Green Gospel" di Verderio Superiore (LC), poi Ospitaletto ed Erbusco per il ricordo della battaglia di Nikolajewka. Quindi , una serata speciale nelle sale del ristorante Pio IX, dove il titolare e prezioso sostenitore Daniele, aveva preparato in grande stile, una magnifica sala dove un presentatore di tv locali, ha condotto la bella serata , presentando  l' ultimo CD del coro, davanti ad un folto pubblico e con gli interventi della Amministrazione comunale, del maestro Marco Rovaris e del presidente Carlo Zerbini. Nella stessa serata , due attori bresciani di prosa dialettale con cui il coro ha collaborato in varie occasioni , si sono esibiti in una breve  recita. A maggio  ecco nuovamente il coro in un concerto a Rovato per la locale sezione Alpini , con la presenza anche del  "Coro Soreghina" di Genova.  Dopo la festa della Repubblica organizzata dal Comune,  ecco sopraggiungere il 5 e 6 luglio  la festa del quarantesimo: sabato sera, il concerto con i due cori che arrivavano da lontano, il coro francese "La Villanelle" di Bellegarde  ed il coro "Liberarmonia"  di Castel Gandolfo, mentre la domenica mattina, quando ancora il sole stava per alzarsi, tutti i coristi erano già all'opera, ognuno con un compito preciso, per accogliere i quindici cori invitati con simpatizzanti al seguito.  Ogni corista del Prealpi, appena dal casello di Rovato usciva l'autobus dei cori ospiti, saliva  ed accompagnava i coristi  sulla salitina che dalla provinciale di Via Iseo , porta alla chiesetta di Pedergnano, dove erano allestiti 15 tavoli per l'aperitivo di benvenuto a base naturalmente di frizzanti bollicine di Franciacorta. Molti i volontari delle varie Associazioni del Comune che hanno aderito per collaborare alla   buona riuscita della simpatica manifestazione. Quindi ogni coro, preceduto dal proprio cartello di provenienza, si è messo in sfilata verso il campo sportivo parrocchiale dove tutto intorno  erano preparate le sedie per i coristi  per assistere alla messa. Una sfilata memorabile, colorata, con canti qua e là che venivano talvolta interrotti dal suono della banda cittadina. La  Messa, sotto un caldo sole, animata dai cori e diretta dal maestro Bepi de Marzi è stata celebrata dal parroco Don Aldo Rinaldi, Al termine della messa,  dopo gli interventi del Presidente Carlo Zerbini,  del maestro Bepi de Marzi, del Sindaco Isabella Nodari, dei due consiglieri Regionali, Margherita Peroni e PierLuigi Toscani, sono state  consegnate ai cori, delle sculture preparate e donate dall'artista Tina Moretti. Il pranzo è stato servito  sotto i tendoni del piazzale Foro Boario Rovato a circa mille persone che poi, nel pomeriggio,  hanno assistito ad una  piccola maratona canora,  perchè ogni coro si è esibito con due brani sul palcoseenico. Si è fatto poi sera , qualche coro si è fermato anche a cena e si è fatta notte. Si è lavorato tutti insieme per i preparativi,  con tanti sacrifici, anche economici, ma ne è valsa la pena perchè tutto è andato bene, grazie soprattutto al grande lavoro e alla  pignola organizzazione del segretario Sandro Bertoli.
Molto importante , come anche nella gestione annuale dei concerti, è stata la collaborazione delle mogli dei coristi, sempre attente nei preparativi e nei vari servizi.
All'evento erano presenti: Corale Cortemaggiore di Cortemaggiore PC, Coro Brianza di Missaglia LC, Coro Burcina  di Biella, Coro Ciclamino di Marano Vicentino VI, Coro Musicalia Fragmenta di Scorzè VE, Coro Biellese La Campagnola di Mottalciata Biella, Coro A,N,A. La Ceseta di Sandigliano Biella, Coro La Villanella di Bellegarde Francia, Coro Liberarmonia di Castelgandolfo Roma, Coro Monte Vignol di Avio Trento, Coro San Lorenzo di Farra di Soligo Treviso, Coro Amici della Montagna di Origgio VA, Coro Amici del Canto di Borno BS Dopo i festeggiamenti il coro è impegnato per due concerti benefici, prima a Rovato per Rovato Soccorso e poi a  Borgonato di Cortefranca nelle cantine Fratelli Berlucchi per l' Associazione onlus "La Risposta" che opera in Ecuador. Alla serata ha partecipato anche  il coro  "Amici della Musica" di Provaglio d'Iseo. Da evidenziare inoltre il concerto "Notte di note" a Pedergnano, il concerto con il coro "Amici della Montagna" di Origgio VA, il concerto  del 25/9 per il 60° anniversario della sezione Alpini di Villa Pedergnano con accompagnamento della Messa il giorno dopo,  la rassegna a Villa "Voci di tradizioni sempre vive" , con pezzi eseguiti con armonica a bocca da parte del presidente , la messa per Arma dei Carabinieri ad Adro Madonna della Neve, concerti per Natale nelle Pievi a Erbusco, Rudiano, Rovato, Sulzano e Paisco Loveno, il concerto "Natale in coro" a Malegno ospiti del !Coro Arca" ed infine il  concerto natalizio nella chiesa parrocchiale  di Capriolo , ospiti della "Corale San Giorgio".



2011



La nuova stagione inizia con la trasferta a San Martino in Olza  (PC) con un concerto in compagnia dei "Cantori di S, Margherita" di Fidenza e della corale di Cortemaggiore, poi, dopo il ricordo dell'anniversario di Nikolajewka a Villa Pedergnano , ecco il concerto "Notte tricolore" organizzato dal Comune di Corte Franca con la collaborazione della Corale San Vitale in Franzacurta, in occasione del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia. Era presente alla serata anche il coro "Le Rocce Roche" di Brescia: Il concerto è stato diretto dal nuovo maestro  Samuele Pedergnani  di Castelcovati , che subito ha portato  alla compagine il suo estro artistico  e tutto il suo bagaglio di professionista per il suo ruolo di  musicista, di insegnante  e di cantante tenore primo nei vari teatri italiani. Quindi dopo la Messa ad Erbusco sempre per ricordare il 150°, ecco il concerto di Primavera a Villa Pedergnano con il coro San Martino di Cisano (BG), ed il coro "Valle del Pelago" di Pievepelago (MO) : una serata straordinaria , con ospiti d'eccezione. Infatti hanno assistito al concerto oltre al Sindaco e al comandante dei Carabinieri, il Prefetto di Brescia Livia Narcisa Brassesco Pace ed il Consigliere Regionale Margherita Peroni.                                                         Segue un concerto in diretta televisiva a Super TV a Bargnano di Colzano , quindi una Messa  presso la Scuola materna a Villa, in memoria dei benefattori ed una Messa per la festa di Santa Rita  a Cortefranca presso la famiglia del Cav. Bono. A Giugno il concerto a Verdello in compagnia del "Coro Verdellese" ed il  coro "Figli di nessuno" di San Giovanni Bianco. A Coccaglio si tiene una serata benefica ancora in favore della Associazione "La Risposta" a favore  di un progetto in Ecuador, alla presenza dell'Amministrazione comunale di Coccaglio , nonchè alla presenza del Console dell'Ecuador Narcisa Sofia Valencia  e del Vice Console. Una serata  coinvolgente,  tra interventi per presentazione del progetto, interventi del Sindaco e del Console e gradite cante del coro . L'illustre Console ha rilasciato questa testuale dichiarazione: "con il vostro canto mi avete trasportato fino al cielo". Si è capito immediatamente che non erano parole di circostanza poichè a dicembre ha invitato il coro a Milano alla prima edizione del " Festival  dei Villancicos" per gli auguri natalizi , per la ricorrenza dei 202 anni di Indipendenza del popolo Ecuadoriano  e rendere omaggio al popolo Italiano, che li accoglie, nella ricorrenza dei 150esimo di Unità d'Italia ,organizzato dal Consolato Generale dell'Ecuador a Milano , rilasciando  nell'occasione al coro Prealpi una "Menzione d'onore". Inoltre , tre mesi prima il Console  aveva invitato, in tribuna, con le autorità  civili e militari, il presidente Carlo Zerbini ed il segretario Sandro Bertoli, alla   meravigliosa "sfilata della fratellanza" svoltasi a Milano; una specie di carnevale , con la partecipazione di migliaia di manifestanti coloratissimi, popoli di tutto il mondo, residenti in Italia, provenienti da ogni parte dello stivale.
Dopo il concerto estivo "Notte di note" a Pedergnano, il coro affronta una nuova lunga trasferta a Marsala in Sicilia. Una favola: l'aereo, l'hotel con meravigliose piscine comunicanti, la spiaggia, il sole  ed i borghi caratteristici siciliani. tutto come sempre, organizzato a puntino dall'infaticabile segretario Sandro ,in collaborazione con il corista Adriano Campana,  con un apprezzato concerto nella chiesa Madonna della Sapienza, dove si sono viste anche lacrime  d'emozione,  e  poi, l'accompagnamento della Messa . Un'esperienza che il coro ha in serbo di ripetere.  Quindi,  la fantastica due giorni a Pievepelago (MO) ospiti del coro "Valle di Pelago" con pranzo al rifugio dell'Abetone, poi la trasferta ad Alzano Lombardo ospiti del coro "Due Valli", la Messa ad Adro per l'Arma dei Carabinieri,  il concerto a Rovato per la festa patronale di San Carlo, la trasferta a Verdellino (BG) per il concerto di Natale su invito del "Coro Parrocchiale S. Ambrogio". Sempre in dicembre, il coro Prealpi  ha eseguito una parte nel Trovatore di G. Verdi nel concerto natalizio con il corpo Musicale di Cologne, dove il maestro Samuele Pedergnani ha  interpretato una parte  lirica come solista . Infine  altre esibizioni natalizie ad Erbusco  e a Pisogne,



2012


Come di consueto  gli inpegni annuali iniziano con l'accompagnamento corale alle Sante Messe per l'anniversario di Nikolajewka per le sezioni A.N.A. di Ospitaletto e di Zocco di Erbusco. A fine gennaio il coro è ospite a Missaglia (Lecco)  per la rassegna organizzata dal "Coro Brianza".                                                                                                       Il 18 marzo a Rovato ,il coro  canta gli inni di Scozia e Italia per la partita  di rugby femminile tra le due Nazionali, sul campo di Rovato, per il torneo "Sei Nazioni", con la banda di Rovato e musicisti scozzesi che si sono cimentati nell'inno, rigorosamente con tamburi , zampogne ed il classico gonnellino scozzese  (Italia  vs Scozia   29 a12)                               egue un concerto in diretta televisiva  trasmesso da  Super TV, mentre il 6 maggio  il coro è in trasferta a Ravenna per la "festa dè maz fiurì" con i cori "Canterini Romagnoli di Ravenna" e "Gruppo Corale Pratella Marcuzzi". Nel mese di giugno a Villa Pedergnano,  il tradizionale concerto di Primavera che vede ospiti il "Coro C.A.I." di Bovisio Masciago (MI) ed il coro "La Fonte" di San Briccio (VR),. Alla serata ha assistito il Console dell'Ecuador in Italia Narcisa  Soria Valencia.  Agli inizi di giugno il Prealpi è ospite a San Giovanni Bianco (BG) del coro "Figli di Nessuno" insieme al coro "Congedati BAT"   per esibirsi nella bellissima  e gremita chiesa parrocchiale, dove  è conservata   la " Sacra Spina".           Sabato16 giugno , il coro partecipa ad Erbusco , ad uno spettacolo canoro musicale  e teatrale per l'80° anniversario di fondazione del gruppo Alpini ed il 20° di gemellaggio con il gruppo di Bettola (PC), mentre il giorno seguente accompagna la Santa Messa nella parrocchiale erbuschese,  in una chiesa stracolma di gente, di bandiere e di tante autorità.  A luglio la partecipazione alla notte bianca di Rovato con numerosi eventi sparsi in ogni piazza e via,  tra una folla di gente.                                                                                   Dopo il concerto estivo "Notte di note" a Pedergnano, il coro Prealpi sostiene una trasferta a Modena su invito del coro A.N.A. "La Secchia", dove  si esibisce  in compagnia anche del coro "Montenero" di Ponte dell'Olio (PC),  ed il coro "Dolci Armonie" di Parma.- Il 29 settembre il coro accompagna la messa per le nozze di Marianna, figlia del presidente, celebrata nella Pieve di Erbusco da Sua Eminenza il Cardinale Re. Da ricordare la partecipazione canora al teatro Iveco di Brescia per accompagnare la lettura scenica dedicata a Padre Marcolini, l'Ingegnere Muratore di Dio, con i testi di Tonino Zana, la regia di Pietro Arrigoni e con  l' attore Andrea Manni. Ad ottobre, al concerto d'Autunno a Villa Pedergnano, il coro ha come ospite la "Corale Piero Giorgi" di Montecassiano (Macerata) che propone anche musica operistica. Dopo il concerto organizzato dal comune di Erbusco per gli auguri Natalizi alla cittadinanza , il coro Prealpi, chiude il suo 2012 a Roverbella (VR), dove in un concerto di canti natalizi, si esibisce in compagnia  del coro "Voci del Mincio" di Marmirolo (MN) ed il coro "Coste Bianche" di Negrar (VR).  E' stato questo, un anno, che purtroppo, ha colpito la compagine nel profondo del cuore in quanto sono mancati : Pierino Andreoli, corista e maestro di musica, Claudio Frigeni corista e Bepi Campana  che chiamato nel 1970, fu il primo maestro del coro ed insieme ai fondatori, ne decise il nome, Coro Prealpi .


2013


Per raccontare le emozioni che un concerto ti trasmette, non basterebbero pagine  piene di parole, per questo dobbiamo limitarci a dei soli accenni degli eventi,  il più possibile in ordine cronologico. Ecco pertanto il 2  febbraio il coro Prealpi canta gli inni  di Francia ed Italia per le Nazionali femminili di Rugby, in occasione del torneo "Sei Nazioni", sul campo di Rovato davanti a duemila tifosi, dove l'Italia dopo 27 anni compie l'impresa di battere la Francia per 13 a 12; quindi  si  esibisce per  accompagnare la Messa per gli Alpini di Erbusco  e poi il concerto organizzato dalla sezione Alpini di Rovato per il 70° di Nikolajewka, nella parrocchiale San Giovanni Bosco: una serata molto commovente tra  racconti da ricordare ed emozioni da trattenere,  e poi l'evento organizzato dal Lions Club Montorfano Franciacorta,  con la  lettura scenica   dedicata a Padre Marcolini, "Chel Motòm che el va gnè a enciodàl....", rappresentata nel teatro comunale di Erbusco con l'attore Andrea Manni ed i canti del Prealpi.                                                                                               Poi, il 16/17/18 marzo la meravigliosa e impegnativa trasferta a Montecassiano (Macerata) , ospiti della corale "Piero Giorgi" , con saluto di benvenuto nell'Aula Magna del Comune da parte del Sindaco Mario Capparucci e dopo una visita alla città, l'apprezzato concerto serale nella chiesa S.Marco. Domenica , dopo la visita a Macerata, l'accompagnamento alla Santa Messa solenne  nella collegiata S.Maria Assunta in Cielo. Dopo il pranzo, visita all'Abbadia di Fiastra e poi a Tolentino ed Urbisaglia per un altro concerto. Lunedì partenza per il rientro con visita al Santuario di Loreto. il tutto in una atmosfera di bella amicizia. Ad aprile,  la partecipazione alla "Fiera della Coralità" a Verona, al Palazzo della Gran Signoria, proprio di fronte all'Arena, dove il coro si è esibito due volte e soprattutto ha potuto costruire rapporti e scambiare pareri e consigli con diversi maestri di cori, presenti all'evento.                                                                                                       
il giorno 2 giugno, il coro tiene un singolare concerto nell'antica Pieve Santa Maria a Erbusco  , con una rievocazione storico-musicale, del passato di Erbusco, attraverso la lettura recitata di brani, tratti da quotidiani bresciani di fine ottocento, minuziosamente selezionati  dal maestro Samuele Pedergnani, grande appassionato di storia, con la direzione artistica di Pietro Arrigoni.  Uno spettacolo carico di emozioni con il quale il coro ha voluto ricordare il maestro Claudio Moretti. Quindi il Prealpi partecipa a Missaglia (LC)  alla festa per il 45° del coro Brianza  in compagnia dei cori "Monte Mucrone" di Biella, "Il  Rifugio" di Seregno (MB), "Monteneve" di Livigno" (SO), "Amici della Montagna" di Origgio, "Alpino Lecchese" di Lecco, mentre  dopo una settimana ,  a Carpi (MO) ospite dell'Associazione corale G.Savani, insieme  al coro "Cinque Terre"  di Genova, in una serata  musicale incantevole.
A  fine giugno, un'altra due giorni in trasferta a Motta di Livenza (TV) per una serata in piazza Duomo, dal titolo "Cantando alla luna",  dove era presente, oltre al coro organizzatore "Luca Lucchesi" , anche il coro "Coste Bianche" di Negrar (VR). Alla serata hanno assistito anche due illustri maestri e compositori della coralità : Sacchi e  De Blasi. Il giorno seguente il coro Prealpi ha accompagnato la Santa Messa nel magnifico Santuario di Motta di Livenza.                                                                
Terminate le sospirate vacanze estive il coro si ritrova  in famiglia a Pedergnano per il concerto "Notte di note" e la consueta cena in cascina offerta da Gianni  Bonfadini.  Da ricordare a settembre , un concerto  nella Pieve di Erbusco,  in memoria del maestro Claudio, organizzato dall'Associazione a lui intitolata. Il concerto d'autunno, organizzato dal Prealpi a Villa Pedergnano, ha come ospiti la "corale Savani" di Carpi (MO) ed il coro "Acqua Ciara" di Recoaro Terme (VI). Un concerto ben riuscito oltre ad una giornata che ha visto i cori in visita ad una cantina e poi un dopo concerto  all'insegna di allegre cantate  e buon cibo. I cori infatti, hanno rilasciato commenti scritti , definendo la trasferta dal coro Prealpi "Indimenticabile".  In questo periodo non si può dimenticare una ghiotta serata del coro, tutta a base di gustosissime  lumache, cucinate in ogni maniera.                             La Santa Messa per la Virgo Fidelis al Santuario Madonna della Neve di Adro, l'esibizione alla casa di riposo di Rovato , la partecipazione nel teatro comunale di Erbusco per la consegna delle borse di studio, ed il concerto  nella chiesa parrocchiale di  Erbusco insieme ai cori locali  e ai gruppi Bandistici per gli auguri natalizi  , pongono fine ad un altro anno intenso.



2014


La nuova stagione ,  parte con una iniziativa organizzata dal coro per sostenerne le attività stagionali: un grande  e prelibato spiedo che ha riempito il salone dell'oratorio in ogni suo angolo con duecentocinquanta partecipanti: una prova di unione di tutti i coristi e delle signore consorti, anche nell'organizzazione.   A fine gennaio  il coro Prealpi  è  impegnato nell'antica Chiesa dei Frati Minori, di San Bernardino  a Verona, per la "rassegna d'Inverno" organizzata dal coro "La Cordata" di Verona , che aveva come ospiti il nostro coro ed il  coro "La Gagliarda" di Sarche di Calavino (TN). n Aprile , il concerto di Primavera organizzato dal Prealpi a Villa Pedergnano nella parrocchiale San Giorgio, vede come ospiti il coro "Voci del Mincio" di Marmirolo (MN) ed il coro "Luca Lucchesi" di Motta di Livenza (TV)  . Sono i primi di maggio, quando il coro è nuovamente a Verona, al magnifico Palazzo della Gran Guardia, dove si svolge la decima fiera della coralità e dove la sera del 3 maggio si esibisce a Zevio (VR) , con la compartecipazione del coro "Euterpe".  Trascorrono solo una decina di giorni ed il Prealpi è nuovamente nel veronese, a Negrar, ospite del coro "Coste Bianche" , per la rassegna "Pietro Saletti", e con la partecipazione del coro "La Gagliarda" di Calavino (TN). Appena il tempo per riordinarsi, il 31 maggio ecco un'altra esperienza  a  Castel Gandolfo (Roma). Si parte alle 6,30 e dopo un viaggio tranquillo, alle ore 16,00 l'accoglienza  da parte delle autorità comunali, a Palazzo Chigi di Ariccia, e alle 16,30 il concerto con i cori: "La Maschera" di Ariccia, "Liberarmonia" di Castel Gandolfo e "Choeur La Cle des Chants"  di Orange  (Francia); quindi una splendida serata in  un ristorante sul lago a Castel Gandolfo con immancabili cante a cori uniti. Il giorno seguente, un piacevole tour dei Castelli Romani e dopo il pranzo, di nuovo in concerto, questa volta nella  Sala Mariapoli di Castel Gandolfo, con la partecipazione del coro  "Diapason" di Castel Gandolfo,  la corale "Piero Giorgi" di Montecassiano (Macerata) e corale " Liberarmonia" di Castel Gandolfo con la presenza della Amministrazione Comunale. Solita serata in allegra compagnia e poi la ripartenza mattutina per il ritorno con tappa culinaria ad Arezzo. Esperienze che temprano l'amicizia del coro e delle loro famiglie.                                 Prima dell'estate una serata diversa a Castelcovati dal tema "A cavallo di due secoli", letture di fatti storici avvenuti nei due secoli passati, raccolti da Samuele Pedergnani, interpretati da giovani attori  e accompagnati dalle voci del coro Prealpi. Trascorsa la pausa estiva,  il 23 agosto ecco il concerto nella chiesa di Pedergnano che segna l'inizio delle attività  della seconda parte dell'anno, e quindi , il 30 agosto la trasferta  per la  rassegna a Recoaro Terme (VI), ospiti del coro"Acqua Ciara"  e con la partecipazione  del coro "I Cantori delle Cime" di Lugano, per una serata  di bel canto ed uno speciale incontro  tra amici. Dopo una serata a Rovato  per l'evento "Cool Tour",  dell'Associazione Liberi Libri , il Prealpi organizza il suo Concerto d'Autunno invitando il coro femminile locale "Le 6 note"  ed il coro  di Verona "La Cordata".
A questo punto, dopo così tanti impegni, forse ci vorrebbe un pò di sosta per le voci del coro, invece ecco il concerto a Pontoglio ,  molto bene organizzato dalla sezione Alpini , "per non dimenticare il sacrificio della grande guerra", con lettere  e testimonianze di caduti pontogliesi, recitate dall'attrice  teatrale Lorena Agosti , accompagnate dalle armonie del coro Prealpi, molto apprezzate dai trecento spettatori presenti, in una serata definita "Commovente" dal giornale di Brescia. Dopo una bella serata, con l'Associazione " Il filo di Arianna" in una caratteristica corte a Castelcovati , per rivivere le antiche tradizioni del paese, in una lettura -concerto con il coro Prealpi e l'attore Luciano Bertoli, accuratamente preparata dal maestro Samuele Pedergnani  , si riparte per un'altra trasferta in Germania, con le lettere del Sindaco di Erbusco Ilario Cavalleri e del Vescovo  di Brescia Luciano Monari in segno di Fratellanza e comunione; una tre giorni affascinante,  pullman doppio , settantacinque persone, una  sorta  di  trasferta-vacanza , mescolata all'impegno del canto. Ad attenderci ad Ulm e New Ulm la comunità  Cattolica Italiana,  guidata da don Giuseppe Gilberti, il quale  aveva organizzato una serata Natalizia per gli auguri alla Comunità , proponendo  le melodie di canti italiani eseguiti dal coro   e  nel finale, con il pubblico rigorosamente in piedi con mano sul petto , il "Va Pensiero" e "l'inno di Mameli",  portando, oltre a qualche lacrimuccia di gioia e di nostalgia, aria di casa a coloro che , da casa, hanno  dovuto allontanarsi, per cercare lavoro. Un altro concerto nella città di Augsburg preparato dal polacco Padre Bruno e  l'accompagnamento della Messa, il giorno 8 dicembre ,nella moderna chiesa di New Ulm. Tra un concerto e l'altro,  il coro ha potuto visitare la città di Ulm, di Augsburg ha visitato il complesso di case popolari piè antico al mondo (1521)  chiamato "La Fuggerei" e poi  la splendida Abbazia  Benedettina di Ottobeuren, in Algovia, che vanta una grande tradizione in materia di concerti e dove il Prealpi ha eseguito una toccante Ave Maria, in un silenzio surreale, I coristi  e gli accompagnatori, inoltre, per pranzi e cene, non si sono fatti mancare niente per quanto riguarda le tradizionali specialità tedesche : piatti e bibite comprese.                                   Arriva dicembre ed ecco la trasferta a Bovisio Masciago per il concerto di Natale organizzato dal "Coro C.A.I."   di Bovisio , e con la partecipazione dek "Coro Polifonico Olmedese Incantos"  di Olmedo (Sardegna), a seguire il concerto natalizio ad Erbusco,  nuova trasferta a Roè Volciano, nella chiesa parrocchiale San Pietro in Vincoli, ospiti del Coro Alpino "Mario Rigoni Stern) Vallesabbia-Valtenesi (BS) e la partecipazione  del Gruppo Corale "A.N.A. Arnica" di Laveno Mombello (VA). La stagione si chiude con "Nèdal a Santa Maria" a Travagliato ed il concerto rassegna "Natale in coro" , nella parrocchiale di Cologne, ospiti, insieme alla corale "Santa Maria Assunta" di Calcinate (BG),  organizzato dalla Corale "Montorfano" .



2015


Inizia un anno significativo, quello del 45° di fondazione ed il coro  ha già nel cassetto un programma definitivo per festeggiare al meglio il nuovo traguardo,  A gennaio come consuetudine , viene chiamato per accompagnare le  Sante Messe ad Ospitaletto prima,  e poi a Zocco di Erbusco per la ricorrenza di Nikolajewka. A febbraio , purtroppo, un'altra triste notizia colpisce la formazione del Prealpi: il corista Amatore Bonfadini viene a mancare, portato via dal male che lo aveva colpito circa due anni prima. Una perdita forte perchè Amatore aveva un grande attaccamento al coro, era entrato agli inizi della fondazione , ancora giovanissimo, insieme al padre, ed il canto era la sua grande passione insieme alla scuola calcio.    Qualche giorno per riprendersi e subito, per rispettare la disponibilità data , si parte per Valdagno per il concerto  "Verso la Pasqua" , organizzato dal "Gruppo corale  La Maranina" ,  che vede la partecipazione anche del  coro " Voci della Riviera" di Fiesso  D'Artico (VE),, quindi a Castelcovati per accompagnare una serata di grande successo , alla presenza di  illustri ospiti, per la presentazione del libro " Dal buio della mia trincea" del nostro maestro Samuele Pedergnani, poi a Bovezzo, sempre  per commemorare il centenario della Grande guerra, inseriti in uno spettacolo teatrale , curato dall'attore Giuseppe Pasotti, e ancora, a Castrezzato,  in occasione della festa dei Patroni , ad accompagnare  con diversi brani, le letture " ricordi di un tempo", ed a seguire, la trasferta a Ponte dell'Olio (PC), ospiti del coro "Montenero" per la rassegna " Cantare in Coro", con la partecipazione anche del coro "Stella Alpina" di Bareggio (MI) ed una breve esibizione del coro  " 3 Note sopra il cielo".  Nel mese di giugno, viene a mancare Saverio Cominardi, da sempre sostenitore del coro e per un periodo anche Presidente  che ha avuto il merito,  dell'incontro con  Bepi de Marzi e dei suoi Crodaioli, organizzando serate conviviali in Franciacorta e instaurando tante amicizie , ancora oggi consolidate. A fine estate , il consueto concerto di casa a Pedergnano "Notte di note" e la partecipazione ad Erbusco al  programma di Teletutto "In piazza con noi"  , dove il coro si è esibito ed  il presidente ha potuto  presentare i festeggiamenti del  quarantacinquesimo di fondazione che  sarebbero iniziati dopo una settimana.  Infatti  il 12 settembre ecco il soffio sulle 45 candeline che prende inizio nella parrocchiale  gremita,  di Villa,  in una  serata - concerto,  piena di emozioni che vede ospiti il coro "Stella Alpina" di Verona ed il maestro, compositore, organista e direttore d'orchestra Mario Lanaro, il quale  ha avuto il compito di presentare a modo suo,  senza tralasciare un pò di didattica  musicale-canora, la bella serata Il concerto del 3 ottobre  per il 65° di fondazione del gruppo Alpini, riempie ancora la chiesa  San Giorgio in  una  toccante serata  ed anche con l'armonica del  presidente,  ma la settimana dopo , ecco giungere ad Erbusco il coro "Tre Pini" di Padova  con l'ottantanovenne  maestro ,  Gianni Malatesta, direttore e compositore,  tra i più affermati al mondo,  nel settore coristico. Da segnalare  l'emozionante performance del coro Prealpi  quando ha eseguito il brano "Montagnes Valdotaines" dedicandolo proprio al maestro Gianni Malatesta  autore della armonizzazione.
Dopo il saluto, domenica 18 ottobre,  al parroco don Aldo Rinaldi con il dono del primo LP del coro, la formazione deve registrare un'altra significativa perdita: viene a mancare , dopo la lunga malattia , uno dei fondatori storici del  coro Prealpi,  Federico Bonfadini. Il coro da parte sua , nonostante il tempo tiratissimo, è riuscito ad accompagnare la Santa Messa ed  in chiusura,  a  cantare il brano "Signore delle Cime", per poter esaudire il grande desiderio lasciato scritto dal fondatore. Dopo la ricorrenza ad Adro per l'Arma dei Carabinieri e dopo una speciale partecipazione  a Teletutto,  del maestro Samuele Pedergnani, del segretario Sandro Bertoli e del presidente Carlo Zerbini,  dedicata al coro Prealpi, alla sua storia , al suo 45° ed ai suoi impegni futuri , si arriva al gran finale con l'arrivo a Villa Pedergnano di Bepi de Marzi e dei suoi Crodaioli di Arzignano (VI) . I biglietti del concerto sono esauriti da qualche giorno, i posti a sedere sparsi ovunque in ogni angolo della chiesa, molti i rappresentanti di cori  venuti dal nord d'Italia ( tra  i quali anche il coro Versilia di Pietrasanta che attraverso la sua Presidente ha portato un prezioso dono  da parte del sindaco del comune di Pietrasanta, per il 45esimo, così  pure come il bellissimo dono del coro Amici del canto di Borno) e tanti gli spettatori in piedi che stracolmavano la parrocchiale. Una serata magica, dove la musica è diventata poesia in una sublime armonia di voci che accarezza, rapisce e appassiona. Una serata da tutto esaurito per chiudere in bellezza i festeggiamenti del 45° anniversario del coro, una carica ulteriore per proiettarlo , con sforzi sempre più grandi, verso il 50°. Queste le parole dei grandi maestri. Lanaro : ho capito subito che avevo davanti gente seria e ben organizzata, auguro al Prealpi di cantare sempre sorridendo, con  la voce, gli occhi  e il cuore di cantare con passione il vecchio ed il nuovo. Malatesta: ho ascoltato veramente un bel coro Prealpi che nella maturità ci propone un bel cantare, sempre una tonalità molto interessante, precisa e intonata. De Marzi: Prealpi, siete e sarete sempre Voi, amici che ritroviamo mentre preme l'inverno. Ma nel nostro cuore sarete sempre la Primavera del cantare la speranza a cori uniti. Un grandissimo grazie và alle mogli e alle compagne dei coristi per la grande disponibilità a dare il proprio aiuto nei preparativi dei rinfreschi prima, e poi nelle cene dopo i concerti ed un grazie infinito a Emy, moglie del segretario Sandro  per quanto concerne tutti i documenti e le varie domande per l'organizzazione normale e straordinaria.  Si và incontro al Natale ed il coro  non dimentica mai uno dei suoi fini principali, quello di offrire , oltre al suo canto, anche  qualche sorriso e qualche momento di allegria, pertanto, dopo i tanti impegni, eccolo  alla casa di riposo Lucini Cantù di Rovato per un simpatico pomeriggio di serenità.    A Travagliato,  l'ultima  esibizione per "Nèdal a Santa Maria", organizzata dalla Pro Loco e dal Gruppo  "Piccola Ribalta"  con la regia  dell'attrice Maria Teresa Scalvini, per offrire gli auguri natalizi, in modo simpatico e riflessivo, a tutta la comunità.


2016



E' il giorno dell'Epifania e nella frazione di Villa Pedergnano arriva il nuovo Parroco don Giuliano Massardi; insieme alle autorità e a tante altre Associazioni, anche il coro Prealpi è vestito a festa per accoglierlo e accompagna la Messa solenne con le sue armonie in una parrocchiale festosamente affollata. La prima trasferta del nuovo anno porta il coro a San Martino in Olza (PC) dove è stato organizzato un concerto per raccogliere fondi a favore degli alluvionati di Roncaglia e dintorni, colpiti dalla esondazione di settembre. Dopo un toccante filmato, sui tanti danni che ha messo in ginocchio diverse famiglie, si sono esibiti, nella cinquecentesca chiesa di San Martino,  il coro di casa "Montenero", "I Cantori di Santa Margherita" di Fidenza e per ultimo il "Coro Prealpi", a conclusione di una serata emozionante e applauditissima.Febbraio vede il coro impegnato  con gli Alpini ad Erbusco,  per la commemorazione di Nikolajewka e subito dopo nell'organizzazione di una serata conviviale con il classico spiedo,  in compagnia di tanti amici,  per arrivare ad aprile  a Villa Pedergnano , dove la musica si veste di Primavera con il concerto  che vede ospiti  nella chiesa di San Giorgio,  la formazione "La Compagnia del canto" di Val Rendena (TN) ed il coro "Montenero" di San Martino in Olza (PC), quindi l'accompagnamento della Messa per la festa del Patrono , la serata nel Municipio di Rudiano in occasione della Festa della Liberazione e per la presentazione del  libro del maestro Samuele Pedergnani e la partecipazione alla festa  comunale delle Associazioni . Il 28 maggio il coro Prealpi partecipa  a Verona, nella suggestiva Piazza dei Signori,  alla XII mostra - fiera della coralità, alla quale partecipano una quindicina di formazioni corali e dove il Prealpi si esibisce in due distinti eventi: nel pomeriggio, sotto la loggia di Fra Giocondo in Piazza dei Signori,  mentre la sera , al Museo Africano di Verona, in una serata a scopo benefico, per i bambini meno fortunati. Insieme al Prealpi hanno cantato:  il coro "Notenere" di Padova, il coro "Monte Cervino" di Gessate (MI), il coro "Valtellina" di Talamona (SO) ed il coro "Carillon" di San Martino B.A. (VR). Il primo di Luglio il coro si ritrova a Sale Marasino, con tanto di nulla osta  rilasciato dal Sindaco, per poter entrare nel paese,  per un concerto nella ex chiesa dei Disciplini,  concerto inserito in una serie di  eventi culturali organizzati come contorno al grande appuntamento "The Floating Piers" del famoso artista Christo.  I primi di agosto, su invito del coro femminile "Borno d'in...Canto", il Prealpi si esibisce nella parrocchiale del borgo camuno, alla presenza di numerose autorità con in prima fila l'eminente Cardinale Giovanni Battista Re che alla fine ha espresso i suoi complimenti al maestro, al coro e al presidente, che ha eseguito "il Silenzio" in onore degli Alpini,  con l'armonica a bocca.
Settembre inizia con  la trasferta ad Adro per il gruppo volontari  "Cairoli 29", che ha organizzato una serata particolare:  una  intensa lettura scenica, sulle gesta dell'alpinista Walter Bonatti, con l'attore Luciano Bertoli  accompagnato dalle cante del coro Prealpi , poi il concerto molto partecipato.  nella parrocchiale di, Cologne per lo storico traguardo  dei 90 anni del gruppo Alpini.  Dopo la partecipazione ad Adro, al Santuario Madonna della Neve, per accompagnare la Messa per l'Arma dei Carabinieri, il Prealpi organizza un concerto per pregustare il Natale, nella chiesa San Giorgio, ospitando  il coro " Amici del Canto" di Borno in una serata dove il bel cantare e l'amicizia  hanno trasmesso ai presenti un disteso clima di fratellanza  per le festività  e per l'anno nuovo ormai prossimo.   La presenza  del coro a Travagliato, a Santa Maria dei Campi,  per l'evento "Nèdal a Santa Maria" . con la partecipazione di attori e zampognari , seppur con il freddo tipico dell'inverno , è stata apprezzata e riscaldata dai lunghi  applausi del pubblico.


2017


Anche il nuovo anno ha già in programma una interessante trasferta, accuratamente preparata  in anteprima dall'instancabile  segretario Sandro Bertoli , per tutto quanto riguarda il viaggio, il vitto e l'alloggio , e dal presidente Carlo Zerbini, per quanto riguarda i contatti con l'Eminente Porporato bresciano Cardinale Re. Infatti , dopo la partecipazione alla Messa a Villa Pedergnano per la commemorazione di Nikolajewka , organizzata dal gruppo Alpino locale, il coro Prealpi parte per una memorabile tre giorni  (14-15-16 febbraio) a Roma. Il viaggio in pullman granturismo inizia alle sei del mattino in una atmosfera rilassata e subito festosa: c'è chi passa con le caramelle, chi col caffè, chi con dolci e brioche e poi c'è chi inizia a chiedere una pausa per la colazione, dove si vedono proposte di ogni tipo: pane e salame, formaggi di ogni gusto, peperoncini, etc. etc. e vino sempre a sufficienza, poi il pranzo ed alle 15,00 puntuali , la sistemazione in albergo "Casa Tra Noi" a due passi da Piazza San Pietro e quindi,  tutti liberi per una breve visita alla città prima di  ritrovarsi insieme per la gustosa cena. Il 15 mattina, festa dei patroni bresciani Faustino e Giovita, alle 7,00 ci accoglie personalmente il Cardinale Re che per vie molto brevi ci conduce direttamente sulla tomba di San Pietro, dove celebra la Santa Messa, interamente accompagnata dai canti del coro e dopo una preghiera sulla tomba del papa bresciano Paolo VI, il coro si ritrova in  solitudine, ad ammirare la grande basilica , concedendosi anche qualche foto ricordo con Sua Eminenza che poi con grande cortesia accompagna la compagine nella maestosa Aula Paolo VI per l'udienza con Papa Francesco.  La postazione è ottima, proprio sotto il palco del Papa, l'attesa è sempre strana, tutti guardano tutto, l'aula si riempie all'inverosimile, migliaia e migliaia di pellegrini e tutto d'un tratto ecco spuntare il Santo Padre tra grida festose , canti e applausi in continuazione. Dopo il segno della Croce, e la breve riflessione, iniziano i convenevoli saluti ai vari gruppi ; Tutti pronti con un nodo alla gola, ed appena Papa Francesco pronuncia "Saluto il Coro Prealpi", il coro, al via del maestro, si alza e risponde  cantando ,  tra la curiosa attenzione del Papa e gli scroscianti applausi di tutta l'Aula. Una emozione indimenticabile, una carica forte, un ricordo indelebile per i coristi , per i famigliari e amici al seguito. Il tempo per riprendersi e si ritorna in albergo per il pranzo tra commenti e aneddoti della insolita mattinata. Nel pomeriggio la partenza per Castel Gandolfo per il pernottamento, ma prima , ad Albano Laziale, un memorabile concerto, nella Chiesa Santa Maria delle Grazie ,  ospiti delle corali  "Insieme Vocale" di Albano e  "Canto Libero" di Castel Gandolfo , per concludere in allegra amicizia,  in un  ristorante molto caratteristico . Giovedì 16 febbraio dopo la colazione, il nutrito gruppo del coro (70 partecipanti) riparte  per  il rientro a casa, facendo però tappa in quel di Arezzo per il tradizionale pranzo a base di  prelibata "Chianina".
Il coro non si adagia certo sugli allori ed eccolo pertanto impegnato in tre concerti benefici, offerti alle parrocchie del comune: si inizia nella Pieve di  Erbusco a favore della ristrutturazione della parrocchiale, quindi nella parrocchiale di Villa Pedergnano per il restauro dell'organo, per chiudere  nella chiesa di Zocco a favore della nuova sede degli Alpini. Nel mezzo la partecipazione alla festa delle Associazioni organizzata a Zocco dalla Amministrazione comunale , mentre a maggio, a Rudiano, una toccante serata di canti, a commemorare il ricordo dei caduti  rudianesi in guerra. Quest'anno inoltre, nella ricorrenza della festività del patrono del comune, il presidente Carlo Zerbini, è stato nominato Cavaliere dell'Ordine Pontificio di San Silvestro, ricevendo al termine della  solenne funzione, dalle mani dell'Arcivescovo Gaetano Bonicelli, la preziosa Pergamena  con Croce, per il suo lungo impegno in Parrocchia, nella Diocesi ed anche nel Coro. Oltre ai tre parroci delle parrocchie, ai due presbiteri collaboratori, al Sindaco e alle autorità militari, erano presenti  per il Coro Prealpi, il segretario Sandro Bertoli ed il cassiere Tommaso "Gino" Rubagotti.  A metà giugno il coro accompagna la Messa nella chiesa  parrocchiale San Giorgio di Villa Pedergnano, per la grande festa della Croce Rossa  Italiana. Agli inizi di Agosto, un'altra triste notizia  colpisce profondamente il coro: viene a mancare Renato Loda , un pilastro del coro,  che però da qualche  tempo aveva smesso di cantare per un intervento alla gola; tuttavia  la sua presenza  al coro era costante e sempre pronto, insieme alla moglie, a collaborare alle varie iniziative del coro. La sua mancanza ha lasciato nella formazione un grande vuoto, come voce e come amico.  Nel Prealpi, per diversi anni, aveva inserito  anche la bella voce del  figlio  Davide, Si riparte con un concerto a Lodetto di Rovato per il 35° del Gruppo Alpini ed un concerto a Pontoglio per il 10° anniversario sempre del Gruppo Alpini locale, che in una parrocchiale gremitissima è riuscito  a trascinare l'entusiasmo del caloroso pubblico; a seguire, la  trasferta a Caravaggio, nella rassegna "Cantare Insieme" organizzata dal "Coro Alpa" con la partecipazione anche del  "Coro Cai di Sondrio"; per ragion del vero,  in questa occasione,  nonostante mancassero diversi elementi, il coro Prealpi ha fatto una buonissima performance,  e con una elevata concentrazione in ogni brano è riuscito, a detta di molti, a trasmettere forti emozioni. Il tradizionale concerto d'Autunno, vede riuniti nella chiesa San Giorgio di Villa Pedergnano, in una serata con musica di qualità,  la "Corale Canto Libero" di Castel Gandolfo Roma  ed il "Coro Plinius" di Bottrighe  (RO) , quindi  il "Concerto in Amicizia" a Zone, organizzato  con l'apporto del Comune insieme alla compartecipazione  della "Corale Canto Libero"  .
La sera del 3 novembre,  l gruppi alpini di Erbusco, Villa e Zocco, in occasione del centenario della prima guerra mondiale, organizzano nella chiesa  Santa Maria Assunta di Erbusco, davanti ad un folto pubblico , una serata coinvolgente, con la  lettura e sceneggiatura di toccanti brani e lettere dal fronte, con rievocazioni in costume,  da parte della Compagnia teatrale "La Pieve" , accompagnati magistralmente dai canti del "Coro Prealpi" e dal "Coro La Zerla" di Gussago. Quindi il Coro si ritrova nel Duomo di Salò per  accompagnare una messa commemorativa  e poi ecco il Coro ad Osio Sotto per una sensazionale  e originale serata in compagnia organizzata dallo chef Luca Brasi  al ristorante "La Braseria" dal titolo " Notte d'autunno alla Braseria. A cena con il Coro Prealpi". Una meravigliosa serata culinaria, dove il coro si è reso protagonista in mezzo agli ospiti, tra le sale del locale, con la magia dei canti delle nostre terre. Il coro Prealpi , ancora nel mese di novembre, in occasione dei quinquennali dei  Santi Patroni Maurizio e Giacinto, è invitato insieme al coro "Alte Cime " di Brescia, al concerto nella chiesa parrocchiale di Coccaglio, fissato per le particolari feste.      Dicembre inizia con la trasferta a Vallio Terme, per la 16° rassegna corale, organizzata dal "Coro La Valle" e con la partecipazione del coro "Amici in-canto" di San Biagio (MN)    e poi un concerto, ancora benefico, a favore  dell'ospedale "Laudato Si" per l'associazione Raphael, nella chiesa di San Lorenzo a Zocco di Erbusco, in una serata, dove anche il presidente si è esibito, con l'armonica a bocca, in due brani  natalizi . Molto sinceri gli apprezzamenti ed i ringraziamenti per il coro da parte di don Dario Pedretti, Presidente di Raphael.  Infine,  l'esibizione prenatalizia a Travagliato , per l'evento "Nèdal a Santa Maria" organizzato dalla Associazione  Pro Loco e dal Gruppo  Piccola Ribalta.



2018


Un concerto benefico presso la casa di riposo Lucini Cantù di Rovato ,tiene a battesimo , nel giorno della Epifania, la nuova stagione del coro, che insieme al gruppo Alpini locale , riesce  a coinvolgere i  numerosi ospiti, in un festoso pomeriggio.  Nei giorni seguenti,  un breve articolo sul giornale di Brescia, elogia il maestro Marino Moretti definendolo "orgoglio della nostra  provincia"  per il suo percorso musicale.  Il maestro, nato e residente a Erbusco, in età giovanile, diresse per alcuni anni il Coro Prealpi, prima di diventare  direttore del coro del Teatro Regio di Torino  ed ora , da alcuni anni , direttore del coro La Fenice di Venezia . Il coro in questo periodo sembra attraversare una fase di affaticamento, vuoi per il venir meno di alcuni elementi, vuoi per gli innumerevoli impegni del maestro Samuele Pedergnani, nella scuola, nei vari teatri come  tenore professionista , nella sua passione di ricerca storica e nel suo ultimo impegno, quale  assessore comunale, tant'è che alcune prove settimanali sembrano risentire di questo disagio, ma sono già in calendario alcuni appuntamenti e pertanto bisogna stare sempre più che concentrati: Arriva la data del concerto di Primavera a Villa Pedergnano che vede ospiti il "Coro Angelo" di Villongo ed il "Coro La Rocca" di Appiano Gentile in una serata , come dal commento  riportato  da un giornale, dove  "L'incanto della musica conquista il pubblico".                      Dopo la partecipazione alla festa delle Associazioni, organizzata dal comune di Erbusco, il coro effettua un'altra meravigliosa trasferta a Firenze dove si esibisce nel meraviglioso Auditorium della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, situato dietro il grande Duomo; il coro ha eseguito, riscuotendo calorosi applausi, 14 brani suddivisi da un intervallo , durante il quale il presidente ha deliziato il pubblico con due brani eseguiti con l'armonica a bocca.. Attraversando la piazza del Duomo ed  il centro di Firenze, il coro ha improvvisato alcuni brani raccogliendo gli apprezzamenti di tantissimi turisti che affollavano la città. La domenica mattina il coro ha accompagnato la  coinvolgente Santa Messa celebrata da don Gianfranco Rolfi, nella bella chiesa di San Felice in Piazza e dopo un prelibato pranzo in  buona compagnia e una breve passeggiata , il pullman ha ripreso la via del ritorno. Il primo di  luglio il coro è invitato per un concerto nella chiesa parrocchiale di Zone per la manifestazione "Zone-On-Accendiamo Zone" con un buon riscontro di pubblico.  Questo concerto si rivelerà poi, l'ultimo diretto dal maestro Samuele Pedergnani che dopo pochi giorni lacserà il coro Prealpi dopo averlo diretto con passione ed amore per sette anni.
Tra   spontanee domande e perplessità , il coro , con la  consapevolezza e la volontà  che sempre lo ha contraddistinto, riparte affidando la direzione al maestro Paolo Tosoni di Brescia ,  laureato in musicologia, perfezionatosi in pianoforte,  attualmente insegnante di musica e già direttore di altre formazioni,  che accetta l'incarico con grande entusiasmo e dettando subito le sue linee  che come sempre non combaciano perfettamente con quelle di ogni corista, ma tutto riprende, anzi si raddoppiano le prove per consentire al maestro di  conoscere  quanto prima, la potenziale forza  della formazione .   L'approccio ufficiale del nuovo maestro  è  nella  moderna chiesa "Cristo Risorto"   di Padergnone di Rodengo Saiano,  il 2 settembre , per accompagnare la Santa Messa per il 50° di sacerdozio di don Giuseppe Gilberti, concelebrata inoltre da Mons. Formenti  e dal vescovo emerito di Palestrina Mons. Sigalini  alla presenza di circa  400 fedeli. La festa è continuata poi al ristorante, dove , nelle pause portata, il coro ha intrattenuto gli invitati, con alcuni canti .       Il 6 ottobre, la trasferta a Toscolano Maderno,   ospiti del coro"Monte Pizzoccolo" con la partecipazione del coro A.N.A "La Preara" di Caprino Veronese, in occasione della Rassegna di canti popolari nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Toscolano ed a seguire a Villa Pedergnano, il concerto d'Autunno che vede ospiti il "Coro C.A.I." di Sondrio ed il coro "Solisti della Rocca" di Arona (VA), per una serata ricca di emozioni e nel ricordo del 50esimo  dalla morte del concittadino Monsignor Berardi, grande direttore di musica della Diocesi Bresciana. La serata, oltre ad essere stata eccezionale per le performance dei cori, è stata l'occasione, da parte del presidente Carlo Zerbini, per  ringraziare il maestro Samuele Pedergnani, per il lavoro svolto sotto la sua direzione e per presentare ufficialmente il nuovo maestro Paolo Tosoni. augurandogli un proficuo cammino con il Coro Prealpi. Il 3 novembre l'uscita a Paratico, per la serata organizzata dal Gruppo Alpini e dalla Amministrazione comunale, in un favoloso concerto in commemorazione del centenario della fine della Grande Guerra. Nella chiesa parrocchiale di santa Maria Assunta , anche il presidente ha omaggiato i caduti Alpini dedicando loro "Il Silenzio fuori ordinanza" eseguito con l'armonica a bocca.  Il sindaco, presente insieme ad alcuni assessori, ha pubblicamente esposto il suo compiacimento per l'esibizione. La bella serata è stata  anche  ripresa da una TV provinciale e mandata ripetutamente in onda , mentre una foto ricordo del coro è finita sul giornale sportivo "Tuttosport" per opera di un suo collaboratore presente alla serata, noto collezionista di maglie, con il titolo: Tuttosport: Canta il Coro Prealpi. La stagione 2018 si conclude, prima con l'accompagnamento della Messa per la festa dell'Arma dei Carabinieri ad Adro e poi con una serata concerto ,  sul palco della meravigliosa "Villa Fenaroli" di Rezzato  per gli auguri natalizi del DLF, associazione dopolavoro ferrovie di Brescia  dove il coro è rimasto ospite anche per la sontuosa interminabile  cena .


2019


Il primo impegno è per accompagnare la Messa a Villa Pedergnano in occasione del matrimonio del corista Davide Loda, che  però si è preso  , un troppo lungo periodo di congedo dal coro , quindi la partecipazione , a Peschiera del Garda, di una delegazione del Prealpi ad una simpatica iniziativa   "Coralmente mangiando" , dove sono invitate tutte le rappresentanze dei cori del nord/Italia ed a seguire, la presenza alla  commemorazione della battaglia di Nikolajewka , per accompagnare la Santa Messa, nella parrocchiale di Erbusco,  gremitissima per l'occasione . proposta dalle tre sezioni degli Alpini di Erbusco, Villa Pedergnano e Zocco Spina, con la presenza di numerose autorità civili e militari.         A marzo . constatato, dopo la  riuscita trasferta di Paratico, una importante e significativa ondata di giovani nel coro Prealpi,  viene proposta al coro una importante occasione , caldeggiata dal maestro  con il benestare del Consiglio e dei coristi che consiste in una giornata di lezione/studio corale con il  direttore/ compositore   maestro Mario Lanaro.  La giornata  domenicale è stata ben organizzata ed è stato un bel momento di crescita per il coro che in questo periodo, oltre agli impegni ufficiali, è sottoposto continuamente a due prove settimanali che evidenziano un continuo evolversi ed altrettanti buoni risultati. Nell'occasione della giornata studio, il corista chef  Adriano Campana, si è prodigato per la pausa, di un gustoso pranzo in amicizia  , prima di concludere nel pomeriggio con la prova finale di un brano ,scritto dal maestro Lanaro.                                                             Per il concerto di Primavera a Villa Pedergnano sono graditi ospiti il coro femminile "Sifnos" di Brescia diretto dal maestro Gloria Busi ed il coro  A.N.A. "La Preara" di Caprino Veronese  diretto dal maestro Maurizio Sacquegna, in una serata di incantevoli armonie. L'evento  in giugno,  "Dodici mesi di Coralità", programmato dall'USCI, Associazione che raduna i cori bresciani , vede il Prealpi  in bella evidenza, in un concerto  nella antica chiesa di San Giorgio a Brescia  insieme al coro "Altre Armonie" di Vestone e nello stesso mese la trasferta a Padenghe sul Garda ospiti del Gruppo Alpini , in compagnia del coro"Amici del canto" di Borno in occasione dei festeggiamenti per il 95esimo di fondazione. Nell'occasione anche il presidente   ha omaggiato il gruppo Alpini, suonando con l'armonica a bocca  un commovente "Silenzio fuori ordinanza".                                                     Il 13 luglio il coro al completo, accompagna  sontuosamente la Santa Messa , celebrata da Sua Em.za il Cardinale Re nella antica Pieve di Erbusco, in occasione del matrimonio della figlia  del presidente, Valentina, che vive a San Francisco e partecipando poi ai festeggiamenti serali.
Dopo la pausa estiva, arriva la trasferta ad Appiano Gentile (CO), ospiti del coro "La Rocca" in compagnia del coro "I Cantori delle Cime" di Lugano (CH),  Il concerto, nella stupenda  chiesa di Santo Stefano, gremita per l'occasione, è stato  definito , dalle autorità presenti, di alto livello  e in particolare per il Coro Prealpi , una performance davvero intensa , che ha presentato un repertorio parzialmente rinnovato.    A breve distanza , segue la trasferta  a Sondrio per il 16° Memorial Siro Mauro, ospiti del  "Coro C.A.I."  e con la partecipazione del coro "Di nota in nota" di Berbenno di Valtellina. Il coro ha potuto godere di una breve visita  guidata alla città dove ha anche deliziato i passanti , esibendosi in qualche angolo caratteristico, mentre il concerto  serale,  si è tenuto nell'elegante e rinnovato Teatro Sociale in centro a Sondrio, all'insegna della buona musica che ha riscontrato i calorosi applausi dei quasi cinquecento spettatori presenti. Il tradizionale  dopo concerto non poteva che concludersi con  appetitosi piatti a base di pizzoccheri.                               L'appuntamento del concerto d'Autunno nella parrocchiale San Giorgio, ospita il  "Coro Pasubio" di Vallarsa (TN),  diretto  dal maestro compositore Ivan Cobbe. Durante l'applauditissima serata, alla presenza del sindaco e di alcuni assessori, nonché di alcuni rappresentanti di cori ed ancora, di una rappresentanza dei Crodaioli , che da poco hanno sospeso definitivamente la loro storia, il coro Prealpi ha presentato in omaggio al maestro ospite un brano da lui composto "Gli occhi di Caterina".  Dopo le parole della Amministrazione, anche i parroci presenti di Villa  e di Zocco , si sono molto complimentati per la  coinvolgente serata . Dopo aver accompagnato con il canto la Santa Messa, alla  annuale festa dell'Arma dei Carabinieri , nel Santuario di Adro, il coro Prealpi archivia il 2019,  prima con con una duplice esibizione nelle prestigiose sale della Pinacoteca Martinengo a Brescia in occasione dell'evento "Musei in Choro" e poi con l'ormai tradizionale cena  per gli auguri natalizi  con le consorti, in sede , con le  sempre  squisite specialità, preparate con cura, dal corista Adriano Campana.


2020


Inizia l'anno che segna la storica data di  mezzo secolo di amore per la musica e per la voce. Cinquant'anni di storia, un traguardo importante per coloro che hanno fatto e fanno parte del Coro Prealpi e allora cosa di più significativo di una Messa per commemorare tutti coloro che , o come corista o come sostenitore o semplicemente come amico, ha contribuito a fare la storia di questo Coro. Si apre così il sipario per dare inizio all'anno del 50esimo;  il giorno 11 gennaio il coro Prealpi, previo lettera invito alle famiglie interessate, canta la Messa a Villa nella chiesa San Giorgio celebrata dal parroco don Giuliano Massardi che sempre con immensa disponibilità e generosità ha elogiato e ringraziato il coro ed al termine della funzione ha offerto un abbondante rinfresco , accompagnato da un inaspettato omaggio  ad ogni corista.    Per questo anniversario, ancora una volta il presidente Zerbini, chiede con una lettera la possibilità di essere ricevuti dal Presidente della Repubblica Mattarella, ma  la risposta del direttore dell'ufficio Segreteria , risponde spiacente , per l'agenda fitta di impegni del Capo dello Stato e ringrazia augurando, da parte del Presidente Mattarella,  a tutto il coro Prealpi, un proficuo 2020 e un saluto molto cordiale.         Il 18 gennaio un appuntamento benefico attende il coro a Cortemaggiore, esattamente  nella antichissima chiesa di San Martino in Olza per un concerto   a favore della Associazione Piacentina Malato Oncologico.  Al mattino, un improvviso malore,  rivelatosi poi non allarmante, costringe il maestro Paolo Tosoni al ricovero in ospedale: qualche telefonata del segretario Sandro e del presidente per decidere il da farsi e poi la soluzione fatta in casa, con la disponibilità del giovane corista /organista Daniele Bellini che si prende la responsabilità di dirigere il coro  per la serata. La beneficenza non può  aspettare e questo il coro lo ha messo nel cuore, tant'è che la concentrazione nel concerto, era a mille in ogni corista; risultato  ad effetto con il pubblico in piedi per la bella performance. Alla serata, ha partecipato anche il coro "I Cantori di Santa Margherita" di Fidenza (PC) ed etano presenti , oltre al parroco e al sindaco, anche la presidente della Associazione AMOP ed il primario del reparto oncologico dell'ospedale di Piacenza.                                                                             Il 16 febbraio il coro, accompagna magistralmente la celebrazione Eucaristica  nella parrocchiale di Villa, in memoria della battaglia di Nikolajewka, organizzata dal Gruppo Alpini .............................................................................................................   Il 21 Febbraio, il grande buio , procurato dall'invisibile male..................................                                               
                                          " CORONAVIRUS "                                                          
Il Consiglio del coro, in seguito alle molteplici istruzioni dettate dal governo, si riunisce  in sede , tenendo le debite distanze, la sera del 5 marzo, per vedere una possibilità di prove, visti i cinque concerti già programmati per aprile e maggio, ma la situazione Virus, precipita come un uragano ed il giorno dopo arrivano , uno dopo l'altro, i decreti governativi che vietano ogni  tipo di attività, culturale e non, anzi, arriva l'obbligo di non uscire di casa, se non per strette necessità. Pertanto tutti i concerti sono annullati, fino a nuove disposizioni e intanto..........................................
                           LA GENTE MUORE........ ormai a migliaia.........


In questa surreale situazione di pandemia, anche il coro è impossibilitato a partecipare personalmente e fisicamente  al dolore dei famigliari per la perdita del longevo e storico maestro e corista Gino Cavalleri,  che ha diretto il Prealpi per oltre  vent'anni, dell'ex corista di Rovato Rubagotti Tommaso che si era ritirato  da pochi anni per subentrati problemi di salute, della signora Lucia, moglie del prezioso cassiere Gino Rubagotti, dell'ex corista Mingotti Antonio, presente nella formazione fin  dai primi anni




       Il Presidente
        Carlo Zerbini
























                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      



Torna ai contenuti